Category Archives: Approfondimenti

Approfondimenti Trigliceridi: curiosità, ultime notizie e tanto altri su come gestire la propria dieta in caso di valori alti.

Manifestazioni cliniche tipiche dell’arteriosclerosi

Manifestazioni cliniche tipiche dell’arteriosclerosi

Il soggetto colpito da una condizione infiammatoria cronica del sistema vascolare con interessamento delle arterie di grosso e medio calibro possono evidenziare diverse manifestazioni cliniche tipiche dell’arteriosclerosi. Tra le prime lesioni di origine arterosclerotica può formarsi la stria lipidica composta da cellule schiumose piene di lipidi, in questo caso i monociti raggiungono lo strato sottoendoteliale dell’intima e si sono trasformati in macrofagi, questa lesione può evolvere in una placca fibrosa ossia un accumulo di lipidi intra ed extracellulari, cellule muscolari lisce, tessuto connettivo e glicosaminoglicani. Diversi fattori di rischio possono predisporre verso questa patologia causata dalla deposizione di lipidi nello strato interno dei vasi sanguigni di grosso e medio calibro. In presenza di una concentrazione di lipoproteine, in particolare LDL, si forma una stria lipidica che può evolvere per effetto di citochine pro-infiammatorie in una placca fibrolipidica, a sua volta questa lesione può determinare la formazione di ulcere, trombi e calcificazioni. Per maggiori informazioni si rimanda alla lettura di Iperlipoproteinemia tipi e forme. Continue reading

Published by:

Liposi come avviene

Liposi come avviene

Il processo metabolico che media la scissione dei trigliceridi determinando la liberazione di acidi grassi liberi (FFA) e glicerolo (o glicerina) è definito lipolisi, si parla più comunemente di soglia di lipolisi per far riferimento alla frequenza cardiaca alla quale l’organismo consuma il massimo quantitativo di grassi, per cui rappresenta un parametro utile da considerare se si vuole perdere peso. Per perdere massa grassa e quindi peso in maniera più rapida è opportuno controllare la frequenza cardiaca dal momento che indica l’intensità giusta durante l’esercizio fisico per consumare più grasso corporeo. Per quanto riguarda invece la lipolisi si tratta di un processo controllato da un gruppo di enzimi chiamati lipasi, ma è rilevante anche il ruolo di numerosi ormoni,  in particolare il catabolismo dei trigliceridi depositati ad acidi grassi ha inizio quando la triacilglicerolo lipasi  rompono le molecola del trigliceride per formare un di gliceride, a questo punto la lipasi ormono sensibile (HSL) attiva la divisione delle molecole di trigliceridi in 3 molecole di acidi grassi ed una di glicerolo. Maggiori notizie Eliminare il grasso addominale. Continue reading

Published by:

Grassi insaturi che fanno bene alla salute

Grassi insaturi che fanno bene alla salute

Per il corretto funzionamento dell’organismo è necessario introdurre i grassi insaturi che fanno bene alla salute in generale dell’uomo, ed in particolare si fa riferimento a dei grassi che rimangono liquidi a temperatura ambiente presenti principalmente in alimenti come: il pesce, la frutta secca, i carboidrati integrali, l’olio d’oliva. Gli acidi grassi insaturi rappresentano dunque i grassi buoni in quanto assolvono ad un’importante funzione: sono in grado di ripulire il sangue dal colesterolo cattivo. Questa tipologia di grassi si divide in due categorie: i monoinsaturi che svolgono un’azione protettiva nei confronti delle arterie; i polinsaturi che invece sono indispensabili per quanto riguarda la protezione dal punto di vista cardiovascolare. Alcuni acidi grassi insaturi sono considerati fondamentali per il metabolismo umano, per cui vengono anche chiamati acidi grassi essenziali (EFA) si tratta degli acidi grassi: omega-3, che fluidificano il sangue, migliorano l’umore, favoriscono lo stato di salute dei tessuti della pelle; omega-6, capaci di abbassare a livello ematico il livello del colesterolo cattivo, inoltre contribuiscono al processo di strutturazione delle cellule; omega-9, la cui azione benefica si esplica nei confronti dell’apparato cardiovascolare in prevenzione di alcune malattie. Per altre informazioni si rimanda alla lettura di Fosfogliceridi: le caratteristiche di questo gruppo di lipidi. Continue reading

Published by:

Noci regolano il colesterolo

Noci regolano il colesterolo

Tra i cibi da considerare alleati della salute le noci sono dei validi alleati in quanto regolano il colesterolo grazie al contenuto di antiossidanti che contrasta proprio la concentrazione di colesterolo cattivo e quindi proteggono dalle malattie correlate, favorendo la prevenzione di malattie cardiache e coronariche. In particolare l’azione benefica delle noci è da ascrivere ai livelli di polifenoli, degli antiossidanti in grado di proteggere il corpo dagli attacchi dei radicali liberi e dall’azione dell’ossidazione, per cui la presenza di antiossidanti rende le noci un cibo anticolesterolo. Ma questo tipo di frutta secca è anche ricca di ulteriori principi nutritivi utili per il benessere generale dell’uomo, ed infatti nelle noci si trovano un gran numero di sostanze utili quali: zinco, rame, fosforo, calcio, ferro, potassio, vitamina A, vitamina B1, vitamina B6, vitamina E, vitamina F, vitamina C, vitamina P, grassi polinsaturi. Sono state poi appurate altre proprietà delle noci quali:  digestive, diuretiche, antianemiche, lassative, nutrienti, remineralizzanti, vermifughe; la presenza di folati poi migliora la funzionalità dell’apparato riproduttore in gravidanza. Altre notizie su Trigliceridi alti semi oleosi proprietà utili. Continue reading

Published by:

Colesterolo alto nei bambini

Colesterolo alto nei bambini

L’eccesso di peso unito ad un stile di vita caratterizzato da una prevalente sedentarietà può nuocere non solo ai soggetti di età adulta ma anche durante l’infanzia, per cui non sorprende sentir parlare di colesterolo alto nei bambini, una condizione da ascrivere  principalmente a delle cattive abitudini alimentari: una dieta caratterizzata dall’assunzione di troppi grassi saturi o grassi trans è alla base del fenomeno dell’obesità infantile. Va però precisato che l’ipercolesterolemia in un bambino è una condizione che si può affrontare con risultati soddisfacenti, basterà seguire un regime alimentare più salubre in associazione ad una regolare attività fisica con lo scopo di riportare i valori ematici del colesterolo nel range dei valori normali. Una  una dieta più bilanciata per un bambino in crescita deve comunque garantire un regolare introito di macronutrienti da cui trarre le energie necessarie, basterà far attenzione eliminando quella serie di alimenti che rientrano a pieno titolo nella categoria di “cibo-spazzatura”. Per altre informazioni si rimanda alla lettura dell’articolo Effetto ipotrigliceridemizzante regime alimentare. Continue reading

Published by:

Acido linoleico funzioni

Acido linoleico funzioni essenziali

Fa parte della classificazione degli acidi essenziali omega 6 l’acido linoleico, che rappresenta un precursore fondamentale di bioregolatori endogeni tra cui le prostaglandine, che svolgono una funzione molto importante nei processi infiammatori, ed i trombossani, che invece prendono parte al processo di coagulazione del sangue. Tra le funzioni fondamentali svolte dall’acido linoleico vi è  l’abbassamento del colesterolo totale; in particolare questa componente agisce sulla sensibilizzazione recettoriale del fegato alle lipoproteine. L’azione ipocolesterolemizzante dell’acido linoleico non è però significativa, anche se è in grado di abbassare i valori di LDL più di quelli delle HDL, determinando così una riduzione del rapporto tra colesterolo totale e la frazione HDL. È stato verificato che l’acido linoleico permette di favorire la riduzione delle LDL può invece avere dei valori variabili, e quindi non solo degli esiti leggermente positivi nei confronti del colesterolo HDL. Si raccomanda una particolare attenzione nella dieta favorendo il regolare apporto di omega 6 per prevenire il rischio cardiovascolare. Per maggiori informazioni si rimanda alla lettura dell’articolo Ridurre i grassi nell’alimentazione: indicazioni dietetiche. Continue reading

Published by:

Ischemia intestinale come si manifesta

Ischemia intestinale

In ambito clinico si fa riferimento all’infarto intestinale per indicare la condizione di ischemia intestinale, che può colpire l’intestino tenue ed il colon, una problematica che si verifica quando i vasi sanguigni che affluiscono all’intestino si contraggono o si ostruiscono, in questo modo si limita il flusso di sangue in quel distretto del corpo. La riduzione nel flusso di sangue può essere acuta costituendo una situazione d’emergenza che necessita di un intervento chirurgico, si parla invece di ischemia intestinale cronica se la condizione continua a manifestarsi nel tempo; infine si vengono a distinguere anche la forma di colite ischemica senza cancrena da quella con cancrena che ha un tasso di mortalità più alto. Diversi fattori eziologici possono determinare l’insorgenza dell’infarto intestinale che si viene a sviluppare quando la circolazione diretta verso l’intestino diminuisce o si arresta determinando un deficit di ossigeno delle cellule dell’apparato digerente provocando lesioni e danni di diversa entità nell’intestino. Per altre informazioni si rimanda alla lettura dell’articolo Malattia vascolare periferica. Continue reading

Published by:

Malattia vascolare periferica

Malattia vascolare periferica

In presenza di disordini dei vasi sanguigni che colpiscono le arterie e le vene al di fuori del cuore e del cervello si parla di malattia vascolare periferica, una condizione che si sviluppa quando le arterie che trasportano il sangue agli organi interni, alle braccia ed alle gambe vengono interessate da un’ostruzione parziale oppure generale come conseguenza dell’aterosclerosi. In presenza di questa ostruzione può insorgere un’ischemia con conseguente carenza di sangue ai tessuti. La condizione riguarda le arterie coronarie, ossia i vasi che irrorano il cuore, in particolare la malattia vascolare periferica e quella coronarica costituiscono i casi clinici più frequenti dell’età avanzata. Tra i fattori di rischio che possono determinare lo sviluppo di questa patologia ci sono: alti livelli di trigliceridi; elevati valori di colesterolo “cattivo” (LDL) in associazione a bassi livelli ematici di colesterolo “buono” (HDL); ipertensione; diabete mellito; obesità; fumo di sigaretta; inattività fisica. Per altre informazioni si rimanda alla lettura dell’articolo Fattori di rischio dell’ipercolesterolemia e predisposizioni. Continue reading

Published by:

Eicosanoidi quale funzione esplicano

Eicosanoidi quale funzione esplicano

Tra gli agenti biologici che regolano diverse funzioni organiche vanno menzionati gli eicosanoidi che appartengono alla categoria delle prostaglandine, le prostaciciline, le lipossine, i trombossani, i leucotrieni. Nello specifico questi agenti  hanno il compito di regolare diverse attività del sistema cardiovascolare tra cui: la coagulazione del sangue, la funzione renale, la risposta immunitaria, l’infiammazione. Gli eicosanoidi sono derivati dell’acido arachidonico sono precursore di tipo polinsaturo con quattro doppi legami è compattato come estere del fosfatidilinositolo e di altri fosfolipidi di membrana. In genere con il termine eicosanoidi si fa riferimento ai leucotrieni ed a tre tipi di prostanoidi quali prostaglandine, prostaciclina e trombossani. Si è soliti fare una distinzione tra eicosanoidi buoni e cattivi (quelli buoni inibiscono il processo infiammatorio quelli cattivi favoriscono l’infiammazione), anche se non si tratta di una classificazione appropriata visto che entrambi esercitano delle funzioni importanti per l’organismo. Per maggiori informazioni si rimanda alla lettura dell’articolo Funzione dei trigliceridi e valori. Continue reading

Published by:

Effetto ipotrigliceridemizzante regime alimentare

Effetto ipotrigliceridemizzante

I trigliceridi sono un grasso del sangue prodotto solo in parte dal nostro organismo, mentre viene in prevalenza prodotto dall’alimentazione, per cui è necessario fare attenzione al regime alimentare, in particolare per il loro effetto ipotrigliceridemizzante si consiglia di introdurre alimenti ricchi di acidi grassi polinsaturi in particolare del tipo omega 3, contenuti principalmente in alcune particolari categorie di alimenti tra cui i semi oleosi ed il pesce azzurro; invece è necessario ridurre il consumo di grassi saturi ed idrogenati, ma anche di tutti quegli alimenti caratterizzati da un alto indice glicemico. Vanno dunque limitati gli zuccheri semplici e l’alcool in quanto vengono rapidamente convertiti in trigliceridi, è bene poi fare attenzione al tipo di grassi introdotti con la dieta visto che quelli saturi determinano un aumentano dei livelli dei trigliceridi, mentre quelli mono o polinsaturi mettono in atto un’azione benefica di contenimento. Oltre a controllare la condizione di ipertrigliceridemia è opportuno tenere sotto controllo altri fattori che combinati insieme aumentano il rischio di insorgenza di malattie cardiovascolari; alti livelli di grassi a livello ematico possono infatti determinare un aumento della pressione arteriosa, della glicemia a digiuno, possono poi esporre il soggetto a steatosi epatica, innalzamento dei valori del colesterolo LDL. Per altre informazioni si rimanda alla lettura dell’articolo Ridurre i grassi nell’alimentazione: indicazioni dietetiche. Continue reading

Published by: